Prova d’immaturità scientifica

Non so se lo avete già visto questo screen, ma qualora non lo abbiate ancora visto vi consiglio di mettervi seduti e ammirare questo capolavoro dato in pasto ai nostri giovani per la maturità.

Non ho idea di quanti brevetti internazionali si riescano a fare con la storia medievale e le materie umanistiche in generale tanto care a Franceschini e agli umanisti più duri e puri, ma sono abbastanza sicuro che rasentino lo zero. Eppure ricordo molto bene come nel mio stesso libro di letteratura qualche autore avesse fatto notare che i libri non danno da mangiare, la zappa sì, ed ambedue sono invenzioni tecnologiche, per giunta! In tutte le società della storia uno dei fattori chiave per il successo è sempre stato avere un vantaggio tecnologico sugli altri. Possibile che noi dobbiamo per forza sempre dovere importare le tecnologie a carissimo prezzo e questo per soddisfare l’ego di qualche vecchio, borioso, professore fermo al calamaio? Ma andando più nel pratico, senza per forza ad ambire al Nobel o a un “banale” brevetto internazionale, possibile che io nell’epoca degli smartphone debba ogni volta andarmi a vedere come si faccia un dannato foglio di calcolo excel ma mi ricordo chi fosse Cecco Angiolieri nonostante letteratura non mi sia MAI piaciuta? Non che consideri una cosa così brutta ricordarsi di quell’autore, né di tutti gli altri, ma saper fare una banale fattura elettronica nella vita reale è decisamente più utile. Ammesso che non sbagli platealmente le operazioni da fare… Non è che magari questa mentalità delle materie umanistiche sempre e comunque sopra a quelle scientifiche ha contribuito al nostro declino economico e di conseguenza culturale? [Innominato]

So che voi coglierete l’allusione, ma se ci fosse qualcuno di voi che proprio non ci arriva, nel mondo anglosassone è un modo di dire quando si esprime un opionione su qualcosa. Non lo sapevate? Sapevatelo!
Annunci

10 thoughts on “Prova d’immaturità scientifica

  1. Scusa ti lamenti per la traccia di un opinionista nella prova di maturità?
    Di solito in un testo argomentativo ci sono diversi punti di vista differenti sull’argomento, ti sei letto pure quelli o hai strumentalmente oscurato quelle che potevano darti ragione?

    Mi piace

    1. Veramente sì, le ho lette. Non si menziona mai il sapere scientifico, solo un vago “competenze”. In risalto c’è sempre e solo il sapere umanistico. Non si può dire che sia di parte. [Innominato]

      Mi piace

  2. Assolutamente d’accordo con te. Purtroppo chi ha passato la vita a studiare cazzate cerca sempre di giustificarle in qualche modo pur di non ammettere di aver sprecato il proprio tempo su qualcosa che non gli è utile, non gli è mai stato utile né mai gli sarà utile. Sono pronti a sostenere l’insostenibile e attaccarti personalmente se glie lo fai notare tirando fuori sciocchezze stile “serve a creare cittadini migliori” salvo poi piegarsi a qualsiasi sopruso giustificato con la “sicurezza” o altre facili esche.

    Mi piace

  3. È esattamente la traccia che ogni maturando con insegnante 5stelle, per di più in commissione d’ esame, si augura di trovare.
    Se poi il maturando è minimamente furbetto saprà cosa scrivere. Il mio furbetto di casa si è beccato un bel 15/15, ma la prof si è quasi scusata di non avergli potuto dare di più. ( mamma, tu sapessi le cazzate che ho scritto….)

    Mi piace

  4. sembrerà OT ma non è: vai a Vicenza, ferma un idiota qualsiasi che cammina con il tablet o lo smartphone appiccicato al naso e chiedigli chi è Federico Faggin… con questo non voglio dire che le scienze umanistiche non siano utili, ma di sicuro non possono essere considerate PIU’ utili delle altre, se non addirittura indispensabili e vitali come certi docenti vogliono far credere

    Mi piace

    1. La so! La so! La so! È il padre dell’Intel 4004, la prima CPU fatta e finita, in un epoca dove la Intel era una startup fortemente concentrata nella produzione di memorie. Sviluppo successivamente altre CPU per conto loro, tra cui il 8086, che fu il cervello dello space shuttle, e il fratello minore 8088, più economico e largamente diffuso nei primi desktop IBM. Dopo fondo la Zilog e progettò il famoso Z80. Una delle tante menti che è dovuta scappare dalla nostra terra per andare ad arricchire gli altri.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...