Diminuire l’inquinamento usando i rifiuti.

Un team di ricercatori australiani ha inventato un nuovo materiale utilizzando prodotti e sottoprodotti di scarto.image_n_nsch001

Questo polimero, chiamato polisolfuro zolfo-limonene, è ottenuto da un sottoprodotto della lavorazione del petrolio (il solfuro) ed un materiale di scarto dell’industria alimentare (le bucce d’arancia) ed è in grado di assorbire il mercurio ed il palladio disciolto nelle acque e nel suolo.

Il polisolfuro zolfo-limonene può essere sciolto e versato in stampi siliconici per ottenere forme gelatinose delle dimensioni scelte. Grazie a questa sua proprietà il polimero è più versatile ed efficace del semplice solfuro.

image_n_nfig001

L’assorbimento dei metalli pesanti da acqua e suolo determina un cambio di colore della gelatina, da rosso scuro a giallo, rendendo utile il nuovo materiale anche come indicatore di presenza di mercurio e palladio.

Inutile dire che la notizia è interessantissima sia per i risvolti in campo ambientale sia per l’utilizzo di materiali di scarto.

Qui l’articolo completo (in inglese).

[SA]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...