Stampare banconote per avere più soldi? Chiedetelo al Venezuela cosa ne pensa!

“Ci sono pochi soldi? Stampiamone di più! Ma le banche e i poteri forti non vogliono perché vogliono tenerci poveri.”

Tipico esperto di Voghera in economia e finanza su Facebook dopo aver letto un bloggarello di dubbia gestione.

Ecco cosa succede quando si stampano banconote senza controllo.

Il Venezuela ha così pochi soldi in cassa che non può più sostenere il costo di stampa delle stesse banconote. L’unico precedente che mi viene in mente risale alla Germania della Repubblica di Weimar nel primo dopoguerra, dove per comprare un kilo di burro servivano gli stessi Marchi necessari prima della guerra per comprarsi una reggia. Se considerate quanto era devastata l’economia tedesca negli anni ’20, fatevi due domande su come lo possa essere quella Venezuelana adesso. La Germania ha finito pochi anni fa di pagare i debiti contratti nel 14-18, mi vengono i brividi a pensare a cosa succederà ai Venezuelani. Il taglio più grande è appena sufficiente per comprare una sigaretta, v’immaginate di comprare una sigaretta sfusa con un 500€? Per fare la spesa serve un carretto pieno di banconote, come nella Germania di un secolo fa, in pratica la loro moneta è cartastraccia come lo fu il Marco un tempo.

moneta venezuelana
Un turista ha scambiato 1000€ in Bolivar Venezuelano pochi giorni fa. Due banconote da 500€ sono diventate un carretto di carta. Se lo scambiasse adesso, il mucchio sarebbe ancora più grande… Avete capito adesso quanto sia tragica la situazione?

Stampare in modo scriteriato banconote genere una condizione chiamata “iperinflazione”, ovvero se tu metti in circolazione più banconote in modo massiccio quelle già circolanti perdono drasticamente valore, così è necessario avere ancora più soldi per acquistare lo stesso genere. La diminuzione del valore reale di una moneta si chiama “svalutazione” ed incide sia sul commercio interno sia sulla bilancia commerciale. Mentre noi oggi abbiamo un tasso d’inflazione ridicolo, sotto il 3% che è addirittura considerato troppo basso per spingere un’economia alla crescita (anche nel nostro caso fatto legato al basso prezzo del greggio come vedremo più avanti), loro sono lo Stato con l’inflazione piu alta del mondo, oltre il 500%. Beni costeranno oltre 5 volte di più dell’anno scorso e si teme che a fine anno il tasso raggiungerà il 750%. Non solo, ma queste banconote varranno di meno anche nei circuiti di scambio internazionali, rendendo ancora più difficile importare beni dall’estero, quali le stesse banconote come in questo caso, senza necessariamente diventare più competivi con le esportazioni, approccio tradizionalmente adottato dal Giappone grazie a un volume di stampa alto ma sempre ben calibrato così da avere ottime performance nelle esportazioni con scambio in Dollari USA. Ho come la sensazione che valga così poco che è addirittura economicamente sconveniente stampare moneta falsa. Ma come sono arrivati a tanto?

L’unica fonte di guadagno in Venezuela è il petrolio. L’intera strategia economica dei governi passati di questo Stato si è concrentrata solo sul settore petrolifero partendo dal presupposto che non sarebbe mai calato ma anzi aumentato. Fintanto che il suo prezzo era elevato l’economia stava a galla, ma adesso che per ragioni prettamente geopolitiche costa molto di meno devono far fronte a un sistema economico senza industrie né altro genere di produzione e pochissime entrata. Hanno tamponato per molto proprio stampando banconote, peggiorando la situazione al punto che sinceramente vedo solo un default all’orizzonte dalle conseguenze potenzialmente tragiche per il popolo Venezuelano (che ci crediate o no in caso di default non avranno più moneta circolante per poter comprare alcunché anche se ne hanno a carriole in casa) e non ben quantificabili in un’ottica globale.

Nel 1789 Lavoisier pubblicava quello che è considerato il primo trattato di chimica moderna, Traité Élémentaire de Chimie (Trattato di chimica elementare), in cui enunciava che la materia né si crea né si distrugge, tutto si trasforma, la famosa legge di conservazione della materia. Sono fermamente convinto che questo principio valga anche per l’economia. Se il valore dell’economia di uno Stato è x, non lo puoi aumentare artifiialmente stampando più moneta, la moneta è solo un mezzo di scambio di valori, non il valore delle merci, dei servizi e dell’infrastruttura di uno Stato.

Dedicato a tutti quelli che vorrebbero semplicemente stampare moneta per far fronte alla penuria di denaro nelle nostre tasche.

[Innominato]

Annunci

One thought on “Stampare banconote per avere più soldi? Chiedetelo al Venezuela cosa ne pensa!

  1. Un breve articolo coerente, sensato anche se sfortunatamente superficiale (non in senso negativo, chiedo scusa ma al momento non mi viene il termine giusto) ed è cosa rara trovarlo su quest’argomento, ma secondo me bisogna far attenzione a definire quelli che “vorrebbero semplicemente stampare moneta per far fronte alla penuria di denaro nelle nostre tasche”.

    Spesso vengono inseriti in questo elenco persone che in realtà fanno ragionamenti molto differenti e più articolati, che si possono benissimo criticare ma non ridicolizzare.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...