Mamma perde la figlia di due anni (che non può vaccinarsi) per morbillo; oppositrice del vaccino MMR la denuncia per non aver accettato le sue offerte di aiuto

In questo post sulla nostra pagina, parlai della storia di Nadja Petrovic, una bambina Serba affetta da diversi disturbi immunitari, primo fra tutti una malattia autoimmune chiamata Sindrome Polighiandolare Autoimmune di tipo 1.
Si tratta di una sindrome rara che colpisce 1-9 persone ogni 1’000’000, anche se in alcune zone del mondo può essere più comune come in Finlandia, dove la prevalenza è 1 su 25’000, o in Francia, che ha una prevalenza di 1 su 500’000.
La malattia insorge nella prima infanzia o nell’adolescenza e si diagnostica solitamente con la presenza di almeno due patologie tra candidosi muco-cutanea cronica, ipoparatiroidismo e insufficienza surrenale autoimmune. La sindrome è provocata dalla mutazione di un gene AIRE(21q22.3), responsabile della codifica per il fattore di trascrizione AIRE, coinvolto nei meccanismi di tolleranza immunologica e contribuisce alla selezione negativa dei linfociti T autoreattivi nel timo, nei linfonodi e nella vescica.
Non vi è una terapia genica sostituiva, ma si trattano i sintomi.

35893269_1875141936120027_2445444504489033728_n
Il calendario vaccinale in Serbia

Nadja manifestò i sintomi della malattia attorno l’anno di vita e, poco dopo, ottenne la sua diagnosi definitiva.
Prima, fino ai 6 mesi di vita, ricevette alcuni vaccini (come da calendario), ovvero quelli contro: difterite, poliomielite, pertosse, tetano e epatite B. I successivi, avrebbero dovuto farli dopo l’anno di vita, ma, avendo ottenuto la diagnosi proprio in quel periodo, Nadja non poté più riceverli. E mai più avrebbe potuto.

 

 

 

Con non pochi problemi, riuscì a vivere grazie a medici e terapie mirate. Infatti, chi è affetto dalla sua malattia ha una aspettativa di vita intorno ai 40 anni. Certo, non è molto, ma per certe situazioni non conta tanto la durata, quanto la qualità della vita.
Il 5 Gennaio di quest’anno, Nadja viene ricoverata in una stanza isolata, in terapia intensiva, per seguire una delle sue terapie: il suo livello di Calcio era troppo basso, per cui necessitava di infusioni di Calcio endovena.
Il giorno successivo, nella sua stanza venne spostato un secondo paziente, un altro bambino che presentava alcuni sintomi come la febbre, ma che ancora era in attesa di avere una diagnosi.
Più tardi, Nadja venne trasferita. Successivamente, il livello di transaminasi della piccola salì a livelli molto alti e per questo venne trasferita in un dipartimento differente, quello materno-infantile.
Durante il trasferimento, i genitori di Nadja vennero a conoscenza di una notizia che non avrebbero voluto mai sentire: il bambino che fu loro compagno di stanza per quel breve lasso di tempo, era stato trovato positivo al morbillo.

Ora la prima cosa da chiarire sarebbe questa: per quale motivo un bambino con segni di infezione evidenti come la febbre, viene messo in stanza isolata con una bambina con problemi immunitari riconosciuti? Detta così appare come semplice follia, un rischio impensabile, ma in certi reparti, in certe situazioni e con certi pazienti, queste cose possono verificarsi.
In questo caso, ad esempio, ci sono diverse cose che potrebbero aver contribuito alla decisione:
– assenza di diagnosi nel piccolo
– mancanza di stanze libere/posti letto nel reparto
– pazienti meno compatibili di Nadja a “sopportare” un periodo breve di condivisione con il bambino (nelle condizioni in cui si trovava)
– pazienti con una situazione più delicata e/o rischiosa di Nadja in quel particolare momento

Insomma, le ragioni possono essere molteplici.
Nel nostro caso, non possiamo saperlo con certezza. Abbiamo scritto all’ufficio del Direttore, all’ufficio stampa e all’ufficio legale dell’ospedale in questione se qualcuno avesse potuto/voluto rispondere a qualche domanda riguardo il caso di Nadja, ma non abbiamo mai ricevuto risposta.
Ci affidiamo, pertanto, alla motivazione che hanno fornito a Dragana, la mamma della piccola, ovvero che “non vi erano altre stanze disponibili”.
Altra cosa che avrei voluto poter fare, sarebbe stato scoprire la situazione di salute del bambino che ha causato il contagio. Non sappiamo, infatti se fosse vaccinato o se si trovasse in una situazione di immunodeficienza che gli ha permesso di infettarsi con il virus.

Durante il ricovero per combattere l’infezione e tutti i relativi problemi causati dal virus, Dragana si sfoga dando la colpa a coloro che sono contro le vaccinazioni e che favoriscono la diffusione delle malattie. Poco dopo questa pubblica accusa, fa la sua comparsa un personaggio molto noto in Serbia, ma ancora poco qui da noi: Jagoda Savic.

L'immagine può contenere: 1 persona, cappello, spazio all'aperto e primo piano
Jagoda Savic

Non è un medico, e si presenta come direttrice dell’Association of Parents of Children with Difficult Diseases in Bosnia and Herzegovina, ed è molto nota in qualità di oppositrice al vaccino MMR.

 
Quelli che seguono sono screenshot che ci ha fornito direttamente la mamma di Nadja, Dragana.
I primi contatti sono gentili e ricchi di volontà di aiutare.

 


J: Dragana, in quale clinica hanno ricoverato Nadja? Forse posso aiutare. Saluti, Jagoda.

D: Nadja è al dipartimento materno-infantile. È in terapia intensiva. Non c’è modo di aiutare, hanno fatto tutto quello che potevano. Sfortunatamente non abbiamo altre opzioni.

J: Come si chiama il suo medico?

D: Non c’è un solo medico, sono tutti coinvolti perchè è una paziente complicata.

 

 

 

J: Chi è a capo del dipartimento?

D: Perchè ti servono queste informazioni? Non puoi aiutarci sfortunatamente.

J: Perchè sono la presidente di una associazione a Sarajevo. Si chiama “Association of parents of severely ill children in Bosnia and Herzegovina” ed è in contatto con 11 ospedali pediatrici in Europa.

D: Il capo del dipartimento è Snezana Ristic, ma tutti sono coinvolti nella cura di Nadja.

 

 


D
: Pneumologi, neurologi, gastroenterologhi, immunologi, endocrinologi, ematologi, ecc. Sfortunatamente abbiamo bisogno di tutti loro adesso.

J: Se sei d’accordo, parlerei con Ristic domani, per sentire cosa ha da dirmi.

D: Non c’è bisogno. Avranno un incontro con il consiglio domani, quindi staremo a vedere. Probabilmente ti direbbe le stesse cose che dice a me ogni giorno. E non è il tipo di dottore a cui piacciono quelli che interferiscono con il suo lavoro. Si stanno occupando di Nadja in modo eccellente.

 


J: I appena chiamato un’amica il cui figlio è stato curato da lei.  Ha detto che è molto gentile. Vorrei suggerirle di inviare campioni di sangue e urina all’estero e pagheremmo noi le spesse delle analisi.

D: Perchè inviare dei campioni? Credi che troverebbero qualcosa che non hanno già individuato qui? I polmoni di Nadja sono gravemente danneggiati e ci sono molte altre complicazioni. Sappiamo cosa c’è che non va ma il ricovero non prosegue come speravamo. Nemmeno un po’.

 

 

 

D: Non sto dicendo che non sia gentile, lo è, ma non c’è nessun bisogno che tu faccia questo.

J: Dragana ci sono alcuni esami che non vengono fatti in Serbia, dopo i quali c’è una terapia che potrebbe aiutare. Vorrei mettere in contatto Ristic con un medico in Italia, in modo che possano parlarne.

D: Avranno una teleconferenza con dottori esteri. L’unica terapia esistente non funziona. Nadja non reagisce. Ha diverse malattie autoimmuni che sono verificate. Prende immunosoppressori e corticosteroidi ma non reagisce.

 

35463969_1867811183519769_331138014266785792_n

Specialmente ora, con il morbillo, il suo corpo è più incasinato. Grazie lo stesso. Se non dovessimo trovare una soluzione, ti contatterò.

J: Sai quale ceppo di morbillo ha contratto: A, B, C, D, E, F, G o H?

D: Non lo so e non l’ho chiesto. Non mi importa in questo momento

J: Questo è il dato più importante, lo so bene perchè abbiamo un dottore in microbiologia di prima categoria.

 

 

 

 

35485125_1867811290186425_7378790807081320448_n
D: Perchè è importante? Si sono passati il morbillo e queste sono le consequenze. Infettato da un bambino che non era stato vaccinato. So questo.
E adesso sto iniziando a dubitare delle tue buone intenzioni, o mi sbaglio?

J: Cara Dragana, ovviamente ti sbagli. Probabilmente ti fidi di quanto ti dicono in ospedale, e sono cose difficili da sopportare. Io ho insegnanti eccellenti, alcuni medici conosciuti in tutto il mondo, e mi hanno insegnato ad occuparmi dei dettagli, per questo li noto tutti.

 

 

 

 

 

 

 

D: Sono difficili da sopportare. Solo chi ci è passato lo sa.
Se avrò bisogno di aiuto ti chiamerò. Non ora. Grazie.

 

 

 

 

 

J: Dragana come stai? Come sta Nadja?

D: Sto andando da lei adesso. Be, non sta bene.

J: Sabato pomeriggio andrò a Milano, c’è una persona che ha già aiutato 4 volte i nostri bimbi malati e lo vedrò in serata quel giorno. Però, ha bisogno di qualche foglio per giustificare lo spostamento di denaro dal conto, perchè è il conto della sua compagnia. Nel caso avesse bisogno, hai qualche tipo di lettera dell’ospedale che poi inviarmi via Facebook? Domani mattina visiterò un monastero e accenderò una candela per voi due. Tanti saluti.

D: Grazie ma non ce l’ho. Saluti a te.

 

 

J: Nel caso vedessi una foto del mare sul mio profilo, sto andando a Genova, ad una conferenza Domenica mattina, ma Sabato e Lunedì (siccome volerò da Milano a Sarajevo) vedrò quell’uomo. Vorrei aiutarti un poco e a lui fa piacere aiutare i nostri bambini, cosa che ha già fatto. C’è qualcuno a casa che può inviarci i documenti dell’ospedale? Tuo marito, magari?

D: Se ci sarà bisogno, ti farò sapere. Grazie lo stesso.

J: Nadja è una bambina così dolce. Vederla così malata spezza il cuore. Quando è stata diagnosticata la malattia autoimmune? Che età aveva?

 

 

 

 

La conversazione prosegue sempre con Jagoda che cerca di ottenere documenti o ulteriori notizie da Dragana, che continua a cercare di allontanarsi senza essere rude.
Hanno fatto nuovamente la comparsa gli aiuti misteriosi ma generosi dall’Italia. Jagoda non farà nomi nella chat, purtroppo.

 

 

J: Cara Dragana, al monastero è stata una giornata fredda, davvero fredda, ma sono tornata a casa. Ho chiamato il direttore della terapia intensiva e non ho la sensazione che Nadja sia in pericolo, solo che la sua malattia è davvero complicata. Mi ha detto che non c’è bisogno di aiuto per i trattamenti e attraverso la nostra telefonata ho capito che Nadja è davvero in buone mani. Indipendentemente dalle condizioni per cui gli Italiani ti aiuterebbero (solo in caso di emergenza) è necessario spiegare che quei soldi andranno direttamente a te, siccome dovrai stare con la bambina. Saluti, Jagoda.

 

 

 

 

D: Nadja è in una situazione a rischio di vita. Le sue condizioni sono le peggiori fra tutti i bambini nel dipartimento. Le tue impressioni sono sbagliate. Sto cercando altre vie per i trattamenti, grazie per interessarti, ma per favore, non chiamare i suoi dottori o nessun’altro tu abbia intenzione di chiamare, non sono sicura che tu abbia il diritto di farlo se non te lo chiedo io. Domani andrò dal direttore dell’ospedale e chiederò come sia possibile che le informazioni vengano divulgate. Non ho bisogno di nessuno dei tuoi servizi, voglio che mi lasci in pace così posso occuparmi di mia figlia.

 

 

 

35306062_1867811216853099_6467841111321739264_n

 

J: Scusami, ma non devi commettere errori con nessuno. Non mi sono state fornite informazioni riguardo la diagnosi e le regole ospedaliere non sono state infrante. Ho solo chiesto se fosse necessario pagare per analisi di laboratorio estere, medicine o dottori da altri ospedali e il tuo medico mi ha detto di no, quindi QUALI INFORMAZIONI SU nADJA MI AVREBBE DATO????

D: Non voglio discuterne. Sono state consultate cliniche da tutto il mondo e stiamo aspettando delle risposte. Grazie per il tuo interesse e saluti.

J: Dragana, non dimenticare che il Signore ci guarda tutti e conosce tutto quello che facciamo. Cordiali saluti.

 

 

Il tempo passa e Jagoda mantiene l’insistenza, arrivando anche a scrivere sotto i post pubblici di Dragana dopo la morte di Nadja, cercando di avere altre informazioni.
Dragana le dice di smetterla perchè non le deve giustificazioni. Dopo quel messaggio, Jagoda le da una notizia.

 


D
: Non scrivere sulla mia bacheca mai più, non mi devo giustificare con nessuno.

J: Dragana, il 18 Marzo 2018 ho segnalato il caso di Nadja a;;a polizia Serba perchè ci sono elementi di reato. Tutti i dettagli medici verranno esaminati.

D: Quali reati?

J: Dragana, sei una delle parti sottoposta all’indagine e non posso più parlare con te. Tornerò a Belgrado il 21 Maggio e sarò interrogata. Ad ogni modo, ti auguro il meglio, specialmente di chiarirti le idee.

D: Cosa vuoi da me?

 

 


J
: Dragana, te lo ripeto, non possiamo più parlare. Comunque, nella vita io sono interessata alla verità e alla giustizia. Considerando che da adesso, la polizia avrà iniziato a seguire il tuo Facebook, non possiamo più comunicare qui fino alla fine del processo. I migliori auguri.

D: Nessun problema. Sono sempre dalla parte della giustizia. Peccato che l’interrogatorio non sia l’8 Maggio, perchè sarebbe il suo terzo compleanno, così magari avresti potuto mostrare un po’ di rispetto e lasciare che nostra figlia riposasse in pace. Addio.

 

 

 

J: Lei riposerà in pace.

D: Dal momento che mi stai denunciando per non aver accettato il tuo aiuto, ti informo che abbiamo contattato numerose cliniche dalle quali abbiamo ricevuto le stesse risposte, cioè che non c’era nulla da fare, perchè il danno era oramai troppo elevato. La bambina non abbastanza stabile nemmeno per essere trasportata alla risonanza magnetica. Ci sono anche stati incontri con esperti esterni e la risposta è stata la stessa. Quindi, smettila di intrometterti dove non è il tuo campo.

 

 

 

J: Oh, l’indagine è già in corso e l’intera conversazione tra di noi è già stata inviata all’investigatore. C’era un limite che non dovevi superare, ma lo hai fatto, quindi ora devi prenderti la tua responsabilità per questo.

D: Vergognati. È tutto quello che ho da dire.

J: Dì quello che vuoi. Non puoi scappare dalla giustizia,e la verità verrà fuori.

D: VERGOGNATI

 

 

 

 

 

 

J: Vergogna o meno, l’indagine sui tuoi contatti su Facebook andrà avanti e non puoi farci nulla. E smettila di scrivermi, perchè probabilmente anche questa chat è sotto controllo.

D: Mi prenderò responsabilità dei miei sbagli, se ne ho fatti. Addio.

 

 

 

L’epilogo della loro conversazione arriva dunque con Jagoda che denuncia Dragana perchè, secondo lei, non avendo accettato il suo aiuto, ha contribuito alla morte di Nadja.
Poco importa che nell’ospedale fossero coinvolti numerosi medici specializzati, o che fosse stato chiesto il parere di altre cliniche altri dottori.
Jagoda avrebbe potuto fare di più, solo grazie ad un campione di sangue e urine.
Ovviamente senza spiegare come e con quali esami, senza fornire nomi di persone o strutture. Certo che, quando si offre un aiuto soprattutto se economico, indicare almeno chi sta pagando per qualcun altro sarebbe il minimo, anche solo per poterlo ringraziare.
Niente di tutto questo.
Anzi, come se la morte della figlia non fosse una tragedia sufficiente, i novax che ergono Jagoda a idolo continuano ad attaccare a intimidire Dragana quasi ogni giorno, nonostante siano passati mesi da allora.

Fortunatamente, i viaggi in Italia di cui ha parlato nei messaggi, ci vengono in aiuto.
Cercando, ho trovato dei video di Jagoda in qualità di ospite in alcune conferenze svolte da un medico italiano, dove interviene parlando anche di questi esami che solitamente fa fare.
Il medico in questione è, a dirla tutta, un ex-medico radiato circa un anno addietro per le sue posizioni sui vaccini: si tratta di Dario Miedico.

Dario Miedico

Il dottor Miedico, infatti, è tra quelli che non ritengono i vaccini come fondamentali nella scomparsa di alcune malattie, quanto più l’igiene, la migliore alimentazione, le condizioni della vita… Inoltre sostiene che molte forme dello spettro autistico (non tutte, eh!) siano provocate dai vaccini.
È anche noto per aver partecipato a numerosi incontri organizzati da diverse associazioni novax e per aver creato un partito chiamato SìAmo, che ha come punto principale del suo scopo quello di abrogare la legge 119 sull’obbligo vaccinale.  Con questo partito, ha raccolto la bellezza di circa 1000 voti alle ultime elezioni. Un successo pazzesco.
Tornando a Jagoda, nelle conferenze spiega in quale modo utilizza i campioni di prelevati dai bambini: la cosa principale che fa analizzare, è la genotipizzazione del ceppo del virus che ha infettato il paziente, in questo caso il morbillo.

Attualmente, i genotipi conosciuti di morbillo sono 24, identificati con caratteri alfanumerici da A ad H.
Il genotipo che viene usato in tutti i vaccini è quello A.

Detto questo, nei video lei spiega di aver sviluppato un protocollo, nel quale fa analizzare i campioni di liquidi e/o tessuti per identificare di quale genotipo si tratti, presumibilmente per verificare che si tratti proprio del ceppo A, nel qual caso la malattia sarebbe imputabile direttamente al vaccino.
Questa cosa è comunque concettualmente errata: il vaccino MMR contiene virus vivi attenuati, e non sono stati mai riportati casi di contagio causati direttamente dal vaccino stesso.
Non sono stati registrati perché la carica virale presente nel vaccino è talmente ridotta che il suo unico scopo è quello di stimolare la produzione di anticorpi specifici.
Se anche si dovesse sviluppare una infezione, sarebbe molto molto lieve ma assolutamente non trasmissibile.
Per approfondimenti in merito, vi consiglio il Blog Vaccinar…Sì, della bravissima Ulrike.
Quello che dunque vorrebbe provare Jagoda, è semplicemente una teoria che non ha fondamento, poichè vorrebbe dimostrare un contagio che non potrebbe mai avvenire. Potrebbe dimostrare l’infezione attenuata, ma in quel caso Nadja avrebbe dovuto essere vaccinata con MMR e, come abbiamo detto all’inizio, quel vaccino lei non ha potuto farlo a causa della malattia insorta e diagnosticata.
Come dicevo, al momento non è ancora molto conosciuta al grande pubblico, ma prevedo che lo diventerà poichè i suoi bravi “colleghi” del Bel Paese continueranno ad invitarla, ad ospitarla e a permettere che passi come esperta della materia quando non ha nessun tipo di esperienza in campo virologico, immunologico o microbiologico.

Ma come ben sappiamo, spesso e volentieri questa è una prerogativa per poter discutere in ambito medico-scientifico.

[JD]

 


3 risposte a "Mamma perde la figlia di due anni (che non può vaccinarsi) per morbillo; oppositrice del vaccino MMR la denuncia per non aver accettato le sue offerte di aiuto"

  1. “Another thing I wanted to do would be to find out about the health situation of the child who caused the infection. We do not know, in fact, if he was vaccinated or if he was in an immunodeficiency situation that allowed him to get infected with the virus.”
    He was 9 months old. Too young to receive MMR.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...